Firefox 81.0: tutte le novità

Il mese scorso il browser Mozilla Firefox si è evoluto rilasciando la versione 81.0, ma quali sono tutte le novità che lo caratterizzano?

Le novità riguardano sia utenti che sviluppatori.

Sicuramente la novità più interessante per gli utenti è quella di poter mettere in pausa o avviare video e audio direttamente su Firefox, grazie ad un comando sulla tastiera o tramite auricolari.

Altra novità interessante è l’introduzione del tema Alpenglow che si aggiunge alle modalità chiara e scura. Alpenglow è una soluzione grafica molto colorata per evidenziare maggiormente finestre, pulsanti e menu, facilmente scaricabile nella sezione impostazioni o preferenze.

Interessante anche l’introduzione del supporto agli AcroForm, i moduli tradizionali creati in Acrobat Reader, che permetteranno di compilare, stampare e salvare PDF; nello stesso modo è utile segnalare il restyling del PDF viewer e il la possibilità di aprire i file anche nei formati .xml, .svg e .webp.

Novità per gli sviluppatori

Gli sviluppatori o developer troveranno utile sapere che i file TypeScript sono ora correttamente identificati nel pannello Debugger e segnalati dalle proprie icone, rendendo più facile trovare questi file nell’elenco.

Inoltre, le risposte HTTP JSON che utilizzano caratteri di prevenzione XSSI vengono analizzate correttamente e i dati JSON presentati sotto forma di un albero espandibile.

Un’altra introduzione interessante è quella di permettere una pausa sulla prima istruzione dello script, utile ad esempio nei casi in cui gli sviluppatori desiderino eseguire il debug degli effetti collaterali causati dall’esecuzione di script o dai timer.

In ultimo, un cambiamento all’interno del Developer Tools che offre ora una simulazione più accurata delle limitazioni visive che ostacolano la percezione di colori, rimuovendo una protoanomalia, una deuteranomalia e una tritanomalia e aggiungendo acromatopsia.

Mozilla crea soltanto browsers?

La risposta è certamente no. Mozilla crea browser, app, codice e strumenti che mettono le persone al primo posto prima del profitto. Questo non è soltanto il loro slogan ma la base su cui fonda il proprio business.

<<La nostra missione: mantenere Internet aperto e accessibile a tutti.>> Fonte Mozilla.

Nato nel 2002 con il nome “Phoenix”, dai membri della comunità Mozilla che volevano un browser stand-alone, ha visto la sua diffusione raggiungere il picco massimo nel 2009 con il 32% dell’utenza. Purtroppo però l’utenza declina poco a poco nel tempo a causa dell’espansione di Google Chrome.

La filosofia progettuale di questo browser punta alla facilità d’uso, alla stabilità, alla personalizzazione, al rispetto degli standard web, alla sicurezza, alla compattezza e alla velocità.

È proprio sulla sicurezza che da sempre gli sviluppatori dell’azienda lavorano, così da garantire un uso sicuro per tutti gli utenti.

In particolare, con l’ultimo aggiornamento, sono stati messi a punto anche alcuni bug insieme a nuove policy.

Nello specifico, per i bug sono state corrette le seguenti imperfezioni:

– su Windows, durante il caricamento di un file LNK tramite un file locale, il link non veniva reindirizzato alla destinazione corretta, problema risolto solo per le versioni ESR. Gli sviluppatori Mozilla stanno ancora lavorando alle correzioni per le versioni a rilascio rapido;

– quando si tentava di installare il file MSI di Firefox tramite Intune, il contesto di esecuzione predefinito era limitato al singolo utente. Questo problema è stato risolto in modo che il valore predefinito fosse “Per-Machine”, coerente con il funzionamento del programma di installazione completo, stabilito dagli sviluppatori Mozilla.

Infine, Firefox ha apportato un’altra correzione importante per gli utenti di language pack, dove la lingua predefinita veniva reimpostata in inglese automaticamente dopo gli aggiornamenti di Firefox.

 

Insomma, una versione piena di novità interessanti che non possiamo non provare.

Per scaricare questa recentissima versione vi consigliamo di cliccare qui