News
web developer

Web developer: cosa cerca nel lavoro?

Web developer: quali sono i suoi criteri di valutazione nella scelta di un lavoro? Probabilmente non in tanti si sono posti questa domanda. Le Aziende, infatti, sono continuamente alla ricerca di personale con competenze tecniche in HTML, CSS, JavaScript e PHP ma l’elevata richiesta si scontra con il numero delle risorse disponibili.

Quali opportunità per un web developer?

Un campo lavorativo che non conosce crisi è quello che riguarda il web developer, una figura professionale che ha un campo d’azione molto ampio. Un tempo sottoscritto alle Aziende del mondo tech, negli ultimi due anni questo campo di azione si è notevolmente esteso. Si è assistito, infatti, ad un’accelerazione della digitalizzazione di tutti i settori.

Le Aziende hanno necessità di affidarsi a chi il web lo conosce e sa adoperarlo al meglio. C’è ora la necessita di innovarsi, inserendo nel proprio team figure tecniche specifiche, aumentando di fatto la domanda per chi opera in questo settore. Il lavoro degli sviluppatori ha subito un incremento in positivo proprio dall’inizio dell’emergenza sanitaria e con l’evolvere dei tempi sarà sempre più richiesto

Sul territorio italiano operano sviluppatori con fasce d’età differenti: predominante è quella degli over 30, seguono gli over 40 e solo una piccola parte è costituita dagli under 20. Sono predominanti gli uomini mentre le donne rappresentano una piccola minoranza. Purtroppo, infatti, il mondo dello sviluppo è ancora percepito come un ambiente prettamente maschile. Inoltre, la maggior concentrazione di presenze al Nord non fa che confermare il gap con le regioni del Sud Italia. 

Che tipo di preparazione deve avere un developer?

Il mestiere dello web developer non richiede necessariamente un titolo accademico. Si pensi che alcuni operano in maniera professionale pur non possedendone. E’ chiaro, tuttavia, che questa tipologia di professione richiede un approfondimento e aggiornamento costante della materia. Per tale motivo, oltre alla passione e alla predisposizione personale, la maggioranza degli sviluppatori deve acquisire competenze attraverso un titolo tecnico o una laurea attinente al proprio percorso professionale.

Molti sviluppatori web decidono di svolgere la propria professione come freelance principalmente perché questo tipo di carriera permette una maggiore libertà e flessibilità lavorativa, con la possibilità di poter lavorare nei tempi e luoghi desiderati. La distanza fisica che intercorre tra freelance e clienti non rappresenta un ostacolo poiché questa professione può essere svolta facilmente tramite remote working.

Questa possibilità permette anche di ampliare il proprio lavoro all’estero dove i compensi sono decisamente migliori rispetto al nostro Paese. È vero che il freelance, agendo da libero professionista, ha la necessità di ricercare i propri clienti. Tuttavia, ciò non sembra rappresentare un problema, soprattutto per gli sviluppatori che hanno più esperienza. Il canale più utilizzato per la ricerca dei nuovi clienti è il passaparola, seguito poi da Linkedin e dalle piattaforme di intermediazione. Contrariamente, i social network si rivelano poco efficaci

Web developer: prospettive di crescita

I web developer dipendenti aziendali solitamente ricoprano posizioni di leadership e controllo. Nello specifico, le 3 posizioni maggiori sono Developer, Tech lead e CTO. L’avanzamento di carriera è correlato all’avanzamento dell’esperienza accumulata negli anni. Gli sviluppatori, infatti, abbandonano man mano le attività operative a favore di ruoli manageriali e di responsabilità.

Rispetto alle grandi Aziende, le micro Aziende sono meno competitive poiché non sempre riescono a fornire agli sviluppatori quegli incentivi che per loro sono importanti soprattutto nella fase della scelta: salario e condizioni lavorative. Anche per questi motivi, le micro imprese solitamente scelgono di collaborare con freelance piuttosto che pensare ad assumere personale interno.

Anche nei developer aziendali la prospettiva di crescita e di leadership, la libertà di azione, l’apertura nella scelta delle tecnologie da utilizzare ricoprono un ruolo importante se non fondamentale. Nonostante la stragrande maggioranza degli sviluppatori sia mediamente soddisfatta del proprio lavoro, non sono pochi quelli che sognano di diventare imprenditori mettendosi in gioco con progetti personali. 

Il settore gode di buona salute e, soprattutto, è in grande fermento. Esiste, attualmente, una disparità tra domanda e offerta di lavoro. Anche se soddisfatti del proprio lavoro, rimangono comunque aperti a nuove opportunità non escludendo, nel caso in cui se ne presentasse l’occasione, la possibilità di accettare proposte più appetibili. Chi svolge questa professione è costantemente alla ricerca di una crescita personale e professionale, di nuovi stimoli e opportunità ed è pronto anche a cambiare ambiente e luogo di lavoro se si presentano i presupposti per farlo.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.