Il nuovo ruolo dell’HR nella Digital Transformation

HR, ossia la sigla più comunemente utilizzata per identificare le Human Resources: stiamo parlando di ciò che è alla base del mondo lavorativo in Italia e all’estero, poichè è ben saputo che le risorse umane sono l’ossatura principale del mondo lavorativo, sia esso pubblico o privato, rappresentando il capitale umano di un’azienda e quindi la forza lavoro.

Chiunque abbia fatto parte di piccole, medie o grandi aziende private o in generale di assunzioni nel pubblico impiego in qualsiasi ambito, è consapevole che i colloqui di lavoro rappresentano il primo vero passo per l’assunzione e lo stesso dicasi di passaggi concorsuali al fine di essere inseriti nell’organico: preparazione, studio specifico e buona impressione; ma questo non è altro che la punta di un’iceberg enorme, gli effetti più immediati, e forse gli unici, che i candidati possono avvertire.

Con l’avvento dell’era digitale anche le modalità di selezione ed assunzione sono cambiate. Si parla di Digital Transformation anche per le HR, per indicare la ridefinizione dei processi legati alle Risorse Umane attraverso strumenti digitali.

Da un lato, una trasformazione che ha impattato tutto il sistema lavoro, a partire dalle persone e dal loro modo di relazionarsi, di vivere il contesto aziendale e affrontare la quotidianità lavorativa.

Dall’altro lato, la trasformazione di chi si occupa di reclutare queste persone e che deve essere preparato ad affrontare una serie di passaggi di una certa rilevanza. Alcuni esempi di questi passaggi: selection, recruiting, induction, education, organization, career development, compensation e benefits nell’ambito di un cambiamento culturale.

 

Il ruolo delle Digital HR nella Digital Transformation

Il Digital HR Manager diviene interprete dell’evoluzione culturale dell’azienda e dei suoi dipendenti, andando a sfruttare i nuovi strumenti digitali per assicurarsi i migliori talenti sul mercato. Oltre a ciò prevede alcuni passaggi fondamentali che prevedono la “connessione” tra ciò che ci rende umani (emozioni, intuito, empatia) e il nuovo approccio digitale.

Ecco che il Digital HR Manager deve utilizzare anche metodi più innovativi e personalizzati per poter capire il reale talento di una persona. In molti casi viene di fatti utilizzato il metodo gamification, cioè il rendere ludica un’attività o un processo di selezione mirato.

Introducendo quiz, giochi e sfide, producendo, quindi, divertimento, il candidato viene motivato a dimostrare il vero talento e le sue reali attitudini. Attraverso questo semplice processo si riescono a capire molte skill, o meglio soft skill, che con un normale colloquio di lavoro non apparirebbero, come il problem solving o elaborare il lateral thinking e il visual thinking.

 

Digital Winners nella Digital Transformation

Nella ricerca “Leaders 2020” pubblicata da Oxford Economics, e relativa ai fattori chiave di successo nella digital economy, emerge come le aziende cosiddette ‘Digital Winners‘ abbiano in comune:

  • Executives con maggiori skills digitali, mentalità globale e capacità di prendere decisioni basate su dati oggettivi
  • Forte cultura della leadership
  • Dipendenti maggiormente motivati
  • Strutture organizzative meno verticali e burocratizzate con delega decisionale ai team di progetto
  • Programmi per la diffusione delle competenze digitali e tecnologiche a tutti i livelli dell’organizzazione

Il ruolo dell’HR diventa pertanto sempre più centralizzante. Diventa artefice di una cultura aziendale improntata sulla formazione, la leadership condivisa e inclusiva, la comunicazione e la cooperazione tra colleghi. Solo così l’azienda può qualificarsi come “great place to work”, quindi come Digital Winner, vincere la sfida con le imprese concorrenti e accaparrarsi le risorse più preziose.

Per entrare nel mondo Softwave e quindi candidarti ad una delle nostre posizioni aperte non esitare a contattarci qui.